Il lavoro del corriere è cambiato molto negli ultimi anni. Nel passato, quando la tecnologia non era ancora così avanzata, i corrieri ricevevano l’indirizzo della consegna e dovevano organizzarsi con mappe cartacee o affidarsi alla loro conoscenza delle strade per arrivare il prima possibile. Con il tempo però molto è cambiato. Ora esistono strumenti che permettono di organizzare tutto, come nel caso del software per ottimizzare le consegne, che pianifica e ottimizza i percorsi stradali, entrato di diritto come uno degli strumenti imprenscindibili per fare questo lavoro, che inizia per i corrieri proprio nel momento di uscita dal magazzino.

Questo strumento ha cambiato la vita ai corrieri e ai trasportatori, che giorno dopo giorno hanno visto il loro lavoro semplificarsi, soprattutto quando devono affrontare un percorso complicato per le proprie consegne. Questo strumento viene utilizzato per delimitare le tempistiche di consegna di ogni invio e gli indirizzi, così da fare un planning che aiuti a controllare tutto il lavoro. In più, si possono prevedere situazioni avverse che possano eventualmente capitare e che ci portano a prendere decisioni dell’ultima ora. In questo modo saremo così pronti ad agire in maniera rapida e con esito positivo. Oggi vedremo quali sono gli aspetti che un sistema di organizzazione dei percorsi stradali deve avere.

Pianificare con attenzione

La missione principale di questo software è, come indica il suo stesso nome, permetterci di pianificare il percorso in maniera ottimale. Tutto quello che dobbiamo fare prima di cominciare la consegna è gestito dal programma. Questo include l’organizzazione del viaggio, che è possibile configurare tenendo in considerazione diversi fattori. Per esempio, gli orari di consegna che sono stati pattuiti con il cliente, la priorità di ogni invio o la distanza che separa i diversi punti da cui il corriere deve passare. Il programma si occupa della parte più complicata, cioè l’organizzazione dei percorsi in maniera logica per aumentare la produttività. Se il sistema non supporta questa opzione, sarà necessario cercarne un altro.

Nell’elaborazione dei percorsi, dobbiamo avere a nostra disposizione gli elementi che ci aiutano a personalizzare ogni consegna. Questo include indicare la durata delle consegne o dell’orario che il conducente ha come giornata lavorativa. Per maggiore comodità il programma deve anche permettere l’introduzione di dati specifici, come l’identificazione di quello che si sta consegnando, il peso o il volume. Quindi, i migliori pianificatori danno anche l’opzione non solo di gestire giorno per giorno le attività, ma anche di pianificare i percorsi dei corrieri in un tempo più lungo, includendo periodi settimanali e mensili completi, se ci aspettiamo che ci siano consegne di routine per certe promozioni.

Il monitoraggio

Come aggiunta, i pianificatori di percorso hanno anche un metodo di monitoraggio. In questo caso avremo in ogni momento un’informazione attualizzata del percorso che il corriere sta effettuando, il quale, nel caso di contrattempi, può così informare sul momento riguardo quello che sta succedendo, per trovare una soluzione al problema. Questo permette che i corrieri siano più tranquilli e che ci sia sempre sicurezza nel procedere con la consegna ai clienti. Sempre però, si dovrà prendere come riferimento il percorso pianificato con precisione dal sistema, salvo alcune eccezioni.

All’interno del monitoraggio è necessario capire che il software incorpora anche altre funzioni di grande importanza. Ad esempio, un sistema di validazione per il quale chi riceve la consegna possa attestare con firma digitale che ha ricevuto il pacco e che quindi il processo di consegna è terminato. È anche utile avere un sistema di geolocalizzazione del cliente e poter accedere a uno storico completo che permetta di analizzare i processi di consegna con l’intenzione di aumentare il rendimento di alcuni corrieri.

Tenendo tutto questo in conto, è fondamentale che vengano analizzate le diverse operazioni che ci permettono di gestire le nostre consegne e che scegliamo il software più adatto alle nostre necessità. Non optiamo per un software che non ci convince del tutto, perchè una volta che è stato installato avremo altrimenti sprecato risorse che sono andate perse. Quanto più è efficiente il software, più sarà positivo il nostro lavoro, e più felici ancora saranno i nostri clienti.

Pin It on Pinterest

Share This